Cagliari, Mazzarri: “Servono assolutamente i 3 punti”

Aprile 29, 2022 Off Di Angelo Sorbello
Il tecnico del Cagliari, Walter Mazzarri, sarà il protagonista della conferenza stampa (virtuale) alla vigilia della sfida contro l’Hellas Verona, in programma domani alle 15 alla Unipol Domus. Ecco le  sue dichiarazioni: Il calendario diventa fondamentale a questo punto: quanto diventa pesante questa partita con l’Hellas? “A quattro giornate dalla fine i punti sono 12, noi dobbiamo pensare a noi senza guardare gli altri. Contro il Sassuolo abbiamo fatto una grande prestazione, gli episodi ci hanno dato ragione: brucia ancora la sconfitta immeritata di Genova, se c’era una squadra che doveva vincere eravamo noi, ci sono stati errori nostri e di altre persone, ma questo ormai è passato. Il Verona è la rivelazione del campionato, gioca senza grandi patemi e dovremo fare una partita attenta e aggressiva come contro il Sassuolo. Gli altri risultati non possiamo controllarli, noi possiamo farlo soltanto per i nostri: andremo a Salerno per fare il massimo e a fare punti. Sono molto carico, questa carica penso di averla trasmessa ai ragazzi e dovrà essere trasmessa al nostro grande pubblico. Gli episodi ci devono dare ragione”. Nandez è pronto a giocare dall’inizio?

“Ha fatto 5 allenamenti con la squadra, come fa a essere pronto? Ha un minutaggio limitato, sarà impiegato per il contributo che potrà dare sperando che stia bene”. Siete pronti a livello di forza mentale? “Io non vedo tutta questa fragilità, onestamente. Avete visto che ha fatto il Sassuolo? C’è rammarico, ma in quelle sei sconfitte abbiamo fatto la prestazione, non sono arrivati i punti. Noi allenatori purtroppo non abbiamo la bacchetta magica, a La Spezia abbiamo fatto una brutta partita, mentre con Lazio e Udinese abbiamo fatto una partita ingenua. Siamo cascati in certe trappole e bisogna fare mea culpa. Ora non dobbiamo guardare il passato, ma il presente: abbiamo il destino nelle nostre mani, dobbiamo essere ottimisti. Questa è un’annata complicata, il Genoa non è mai stato pericoloso: io ho fatto i cambi per vincere, c’è andato tutto storto compreso l’episodio arbitrale sbagliato. Fino a oggi la squadra è viva, domani spero che sia ancora più viva e spero che i risultati ci diano ragione”. I diffidati saranno un problema nella formazione titolare?
“No, perché quando abbiamo fatto i punti eravamo in emergenza. In tanti ruoli l’uno vale l’altro, parlo degli attaccanti ma pure degli altri reparti: solo ora purtroppo stanno rientrando alcuni giocatori che ci sono mancati tutto l’anno, magari uno come Rog potrebbe fare una settantina di minuti. Ora posso fare scelte, però ripeto: non facciamo calcoli, basti pensare alla vittoria di Bergamo o Torino”. Con i recuperi dei vari giocatori potrà cambiare qualcosa a livello tattico? “Bisogna pensare a fare tante staffette, i tre slot sono un limite. Questo è un calcio che stanca, bisogna entrare nella mentalità che si giochino 90 minuti a questi ritmi. Anche chi non parte dall’inizio è comunque un titolarissimo, ma i ragazzi lo sanno”. I pochi punti negli scontri diretti solo sfortuna o c’è qualcosa in più a livello di attenzione? “Ho detto che a La Spezia abbiamo sbagliato, anche quella di Udine l’abbiamo sbagliata, ma è comunque una partita diversa. Per il resto meritavamo di più, a partire da Genova: nel loro gol rocambolesco arrivato nel finale ci sono diversi errori personali, ma non penso di dover dire nulla alla squadra. Domani c’è un arbitro internazionale e siamo più tranquilli tutti, però gli episodi di Keita e Joao Pedro potevano portarci tre punti. Se ripenso alle sfide di Venezia e Salernitana rivedo alcuni episodi sfortunati, ma è tutto l’anno che gira così. Noi abbiamo le nostre colpe, con errori che costano punti. Io credo che se i ragazzi e gli episodi ci daranno il giusto, arriveremo all’obiettivo. Questo è il mio pensiero”. Come giudica le parole del presidente Giulini? “Io non ho mai dato alibi ai giocatori, io parlo di rispetto: gli arbitri che stiano attenti, poi anche loro commettono errori come noi. Per ora però siamo tutti là, anche se noi abbiamo un vantaggio sugli altri che sono 3 punti. Ora stiamo tranquilli, fiduciosi nell’affrontare il Verona sperando che gli episodi ci diano ragione, perché ce lo meritiamo con la prestazione”. Nelle ultime giornate si è giocato meno sulle fasce: è una decisione tattica? “Se lei si ricorda Bellanova nel primo tempo è venuto dentro il campo, ma perché anche gli altri ci studiano. Hanno cominciato a studiarci, anche Sarri mi aveva detto di essere preoccupato prima della partita contro di noi. Ma ora ci studiano, su Bellanova hanno messo le gabbie: a lui ho detto di cambiar un po’ gioco, perché questo è il calcio”. Non pensa che l’approccio alle gare sempre sul filo del rasoio, con il potenziale errore a fare da spada di Damocle su quanto di buono avete costruito? “Sono in pochi a essere più aggressivi di noi, poi è chiaro che ci sono gli avversari. Una squadra esperta non fa un errore come quello commesso a Genova, anche perché avevamo due risultati su tre: dovevamo rischiare meno, forse non dovevo mettere Nandez e Rog e mettere un cambio contenitivo. Ma cosa ci ha pagato quando eravamo in fondo alla classifica? L’atteggiamento aggressivo e spregiudicato, abbiamo fatto spesso un gol più degli altri. In più faccio un’altra considerazione, se avessimo fatto gol su rigore o sul palo di Joao Pedro o il tiro di Rog, magari il Genoa sarebbe andato in difficoltà e avremmo fatto loro in contropiede il secondo e pure il terzo gol. Ecco perché dico che gli episodi non ci danno ragione: è vero che abbiamo preso gol all’87’, ma così come è vero che non ci è andato bene nulla neanche in fase d’attacco. Per forza poi un allenatore deve parlare solo di prestazioni, perché solo il Signore o il Fato possono indirizzare l’episodio, ma se si entra in quel parametro io come tutti gli umani mi fermo. Siamo in credito con la fortuna, i ragazzi si meritano questa salvezza: a Genova l’ho detto ai ragazzi, spero che si siano ricaricati ancora di più a molla per affrontare il Verona. Non conosco altre ricette al momento”.