Champions League, poker del Milan che va agli ottavi di finale

Champions League, poker del Milan che va agli ottavi di finale

Novembre 2, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Il Milan torna dopo quasi 9 anni agli ottavi di Champions League. Col Salisburgo bastava un pareggio, invece gli uomini di Pioli scelgono di esagerare e si regalano un 4-0 che esalta San Siro e mette il punto interrogativo su un grande girone. Decisiva la doppietta di Olivier Giroud, un gol per tempo, la rete in apertura di ripresa di Rade Krunic e quella in chiusura di Junior Messias. La squadra di Pioli ha voglia e la giusta convinzione per mettere subito la sfida sui binari giusti e lo si vede fin dai primi momenti del match. Non a caso Theo Hernandez colpisce il palo dopo soli 3 minuti di gioco. I rossoneri girano e sembrano avere le idee giuste per fare male, anche se il Salisburgo non sta certo a guardare soprattutto con i movimenti e le percussioni di Okafor. La svolta arriva al 14’, quando Olivier GIroud è bravissimo a staccarsi dalla marcatura e a segnare la rete dell’1-0. Gli austriaci reagiscono ma vengono murati da Tomori prima e da Kalulu poi, il Milan raddoppia ancora con Giroud ma il francese parte da posizione di fuorigioco. L’ultimo sussulto è ancora degli ospiti, ma Tatarusanu è attento e porta i suoi negli spogliatoi con l’importante vantaggio di 1-0. Riparte il secondo tempo e, con diversi spettatori ancora ai bar di San Siro, il Milan trova subito il raddoppio. Rebic sguscia bene a destra e crossa, Giroud è bravissimo a lavorare bene un pallone su cui arriva puntuale l’inserimento con tempi e forza giusta di Rade Krunic. E’ il gol del 2-0, è il gol che toglie paure a San Siro e che fa pregustare agli oltre 70 mila presenti l’agognato ritorno agli ottavi di Champions League. Il Salisburgo è scosso, il Milan fiuta la difficoltà e colpisce ancora tramortendo la vittima: Leao taglia il campo da sinistra a destra e mette dentro un pallone che la difesa austriaca buca clamorosamente consentendo a Olivier Giroud di segnare la sua personale doppietta ed il gol del 3-0, quello che di fatto mette la parola fine al match. Gli ultimi minuti servono solo a San Siro per urlare “vi vogliamo così” e per tributare i meritati applausi ai singoli che via via abbandonano il campo. E per il gol del poker di Junior Messias. Ma la sostanza non cambia: al Milan bastava un pareggio, arriva una bella e convincente vittoria per 4-0. E con lei anche il ritorno agli ottavi di Champions League, palcoscenico che mancava dall’11 marzo del 2014.