E’ finita! Napoli-Milan 1-3

Mg Milano 28/01/2020 - Coppa Italia / Milan-Torino / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Zlatan Ibrahimovic

Pessimo inizio di partita per il Napoli e il Milan ne approfitta passando in vantaggio al ventesimo minuto del primo tempo.

Buona risposta della squadra di casa che tiene il pallino del gioco per dieci minuti, ma si fa sentire comunque l’assenza di Osimhen. Gara molto aperta e i “4 folletti” azzurri (Insigne, Lozano, Mertens e Politano) cercano il pareggio in più occasioni ma la difesa rossonera è brava a respingere i loro attacchi.

Il primo tempo si conclude con il Napoli in attacco, la statistica sul possesso pallo dice Napoli ma nel calcio, si sa, conta il risultato. Il risultato dice 1-0 Milan, a fronte anche di un pressing asfissiante che non ha permesso al Napoli di superare la prima linea.

Durante il secondo tempo il Napoli dovrà trovare più velocità nella manovra e fare meno errori nella costruzione dell’azione. Il Milan, come ha detto anche Bennacer nell’intervallo, deve cercare di tenere più il possesso palla per cercare di trovare il secondo gol.

Nell’inizio del secondo tempo il Napoli continua a cercare il gol ma il Milan in contropiede trova il raddoppio, sempre con Ibrahimovic che mette a segno il suo decimo gol in campionato grazie a una pennellata di Rebic. Il Napoli è in un momento complicato, ma Mertens infila Donnarumma e riapre la gara all’ora di gioco su assist di Mario Rui. Nonostante il gol, continua il momento no del Napoli e soprattutto di Bakayoko che affonda in tackle Theo Hernandez e riceve il secondo giallo lasciando in dieci i suoi a venticinque minuti dalla fine.

Finale di partita incandescente con attacchi da una parte per cercare di pareggiare il match e dall’altra per cercare di chiuderla. Alla fine trova il guizzo Hauge, entrato al posto di Rebic al settantaquattresimo minuto, su passaggio di Bennacer e chiude la partita sul 1-3, permettendo ai rossoneri di ritrovare la vetta della classifica e sfatando così il tabù San Paolo che perdeva da dieci anni.

Nel complesso è stata una bella gara giocata a viso aperto da entrambe le formazioni nella quale ha trionfato la squadra che ci ha creduto di più.

Confermato il buon andamento di Ibrahimovic (costretto a uscire dal terreno di gioco a causa di un infortunio) che trova la doppietta personale, male invece Fabian Ruiz che non è mai riuscito a entrare veramente in partita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: