Europa League, figuraccia Lazio! Umiliante 5-1 contro il Midtjylland

Europa League, figuraccia Lazio! Umiliante 5-1 contro il Midtjylland

Settembre 15, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Dopo la vittoria sul Feyenoord la Lazio si è apprestata alla trasferta di Herning, casa del Midtjylland, con l’intenzione di consolidare il buon avvio di stagione in Europa. Alla MCH Arena, però, finisce con un clamoroso 5-1 per i padroni di casa di fronte ad una Lazio sinceramente impresentabile e capace di segnare solo su erroraccio di Lossl. Alla MCH Arena di Herning la gara prende il via con la Lazio che prende subito le redini del gioco. Fraseggio continuo degli uomini di Maurizio Sarri e Midtjylland che chiude gli spazi e riparte. Buono il dialogo costante fra Pedro e Immobile sul centrosinistra del fronte offensivo. Poi, a sorpresa, al 27′ arriva la retre dei padroni di casa. con Paulinho che al termine di un’azione prolungata, con tanto di una traversa colpita, si gira in area di rigore e batte Provedel da poco fuori l’area piccola della Lazio. Ancora 3′ ed ecco il raddoppio dei padroni di casa con Kaba che sfrutta un erroraccio in uscita della Lazio, azione dei danesi che si sviluppa sulla destra per un pallone basso al centro e il centravanti del Midtjylland che insacca senza problemi. Al 37′ la Lazio prova a risvegliarsi: bella azione con Vecino che avrebbe l’occasione giusta, ma allarga per Pedro. Lo spagnolo cerca il sinistro a giro, ma Lossl respinge con una mano blindando la porta. Al 41′ ancora Midtjylland con Dreyer serve palla al limite dell’area, Evander non ci pensa un attimo e prova il destro a giro. Palla che esce di poco sopra la traversa. La ripresa inizia con gli stessi effettivi della prima parte del match, ma soprattutto con la Lazio con la medesima verve. Al 49′ arriva un palo colpito da Luis Alberto direttamente da calcio d’angolo, ma sulla ripartenza il Midtjylland arriva in area con Cataldi che stende Isaksen e porta l’arbitro Dabanovic ad assegnare il calcio di rigore. Dagli 11 metri Evander non sbaglia. Al 57′, però, arriva il lampo della Lazio con Milinkovic-Savic, entrato appena pochi minuti prima al posto di Vecino, che trova il gol su errore in deviazione di Lossl. La serata dei capitolini è e si conferma orribile quando al 65′ regala il secondo calcio di rigore della serata ai rivali. Isaksen ancora atterrato in area, questa volta da Marusic. Evander di nuovo sul dischetto, ma sbaglia. Sulla ribattuta è lo stesso Isaksen cala il poker. La Lazio è ufficialmente un morto che cammina e finisce sotto anche con il quinto gol dei danesi con Sviatchenko che su un calcio piazzato si porta in area di rigore e batte in diagonale Provedel. La gara si chiude qui, con una Lazio troppo brutta per essere vera.