Europa League, la Roma vince contro l’Hjk per 2-1

Europa League, la Roma vince contro l’Hjk per 2-1

Ottobre 27, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Un risultato serviva con il Ludogorets, un risultato servirà giovedì prossimo, all’Olimpico, quando la Roma affronterà i bulgari in quello che è, di fatto, uno spareggio per arrivare ai playoff di Europa League, contro una retrocessa dalla Champions. Solo una vittoria, visto il risultato dell’andata, potrà permettere agli uomini di José Mourinho di chiudere al secondo posto dietro al Betis Siviglia, già certo del primato nel girone. Con l’HJK Helsinki arriva una vittoria per 2-1, non particolarmente brillante, ma la buona notizia è che Abraham si sblocca ed El Shaarawy causa il raddoppio.

La partenza sprint dei finlandesi lascia un po’ perplessa la Roma, tanto che Rui Patricio deve mettere i guantoni in due occasioni, in particolare su un colpo di testa di Hoskonen, angolato ma non forte. I padroni di casa alzano i ritmi e gli uomini di Mourinho perdono spesso il possesso del pallone, almeno fino al ventesimo quando, inevitabilmente, anche l’HJK cala di intensità e viene fuori il maggior tasso tecnico dei giallorossi. Cristante e Vina colpiscono un legno ciascuno in un’occasione da calcio d’angolo, poi lo stesso terzino spedisce fuori da posizione favorevole (ma con troppi rimpalli per farne un cruccio). Cristante andrebbe addirittura in gol, di testa, ma Volpato è in posizione di offside.

Ogni palla inattiva è però un supplizio per l’HJK Helsinki, tanto che al quarantesimo la Roma va in vantaggio su calcio di punizione. Pellegrini la telecomanda sulla testa di Abraham che, finalmente, si sblocca dopo un periodo di digiuno. Così l’1-0 va a premiare giustamente i giallorossi, comunque di fronte a una squadra tutt’altro che irresistibile.

Nella ripresa lo spartito sembra, perché la Roma riesce a recuperare il pallone alto e prova a pressare, mentre i finlandesi sono poco propositivi. Abraham rischia la doppietta con un tiro a giro, ma in generale la situazione appare abbastanza tranquilla. Difesa poco sollecitata e amministrazione del risultato senza grossi patemi. Invece alla prima conclusione i finlandesi vanno sull’1-1: Hetemaj raccoglie un pallone dalla lunetta dell’area, Mancini è troppo lontano per fermarlo e l’ex Chievo pareggia i conti. Il pari dura pochissimo, visto che sei minuti dopo El Shaarawy calcia verso la porta, dopo l’apertura di Pellegrini, e Hoskonen sbaglia la deviazione che spiazza Hazard.

Nel finale i giallorossi rischiano un po’, perché Malik dà vivacità all’attacco finlandese, anche se non arriva su un cross di Soiri molto forte e teso. Boujellab mette alla prova Rui Patricio (che se la cava non senza difficoltà). Così Mourinho cambia, facendo entrare Shomurodov, Bove e Faticanti. L’HJK troverebbe il pari con un grande gol di Browne, ma una manata di Malik – poi ammonito in seguito al controllo Var – a Cristante di fatto invalida una delle prodezze più belle di questo inizio di Europa League