LA LIGA CAMBIA GLI ATTORI PROTAGONISTI PER QUESTO PRIMO ATTO DI STAGIONE

Il calcio del ritmo sfrenato, della corsa, del contrasto e della lotta all’ultimo sangue, questa è la Liga Santander. La patria della Corrida vede protagonista ogni weekend squadre che guardano l’avversario come il manto rosso sorretto dal torero e che inseguono la vittoria fino allo sfinimento. Questa prima parte di campionato vede protagoniste tante squadre che in questi anni sono state vinte dall’egemonia dei due grandi tori della competizione, affiancate, a dare filo da torcere, dalla teoria cholista.

Come poche volte si è visto nelle ultime stagioni, ad occupare le prime posizioni della classifica in Spagna non si vedono Real e Barça, ma invece tante sorprese di quest’inizio d’annata tutto particolare. Il primo posto infatti al momento è occupato dal club scelto da David Silva per il ritorno nella penisola iberica, l’avversario in Europa League del Napoli, la Real Sociedad. La società di San Sebastián grazie al Mago arrivato dal City, all’ex stellina dello United Januzaj ed al talento basco Oyarzabal, ha collezionato 6 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta che gli fruttano la vetta. Altra sorpresa è il Villarreal, che è momentaneamente al secondo posto e non ha intenzione di mollare. Il sottomarino giallo alla rosa della scorsa stagione ha aggiunto una pedina di livello, Dani Parejo dal Valencia, che al momento insieme a Bacca e Paco Alcacer si è rivelato di fondamentale importanza per questo ottimo inizio del club di Castellón. E chi poteva esserci all’ultimo posto del podio, se non gli eterni terzi, l’Atletico Madrid del Cholo. I rojiblancos che in questi anni guardavano le spalle alle due potenze del calcio spagnolo ed europeo, ora si trovano a guardarle a due inaspettate novità del torneo. Ecco che finalmente al quarto posto troviamo il Real Madrid di Zidane, che, dopo un inizio non convincente, aveva trovato fiducia con la vittoria per 3-1 del Clasico. Poi però nello scorso weekend è arrivata la brutta sconfitta del Mestalla contro il Valencia per 4-1. Ora per la banda capitanata da Sergio Ramos, prima della gara europea con l’Inter, ci sarà da sfidare il Villarreal per tornare al vertice della classifica. Dopo le altre sorprese Granada di Soldado e Cadice del tiburón Negredo, rispettivamente al quinto e sesto posto, e subito dietro al Betis Siviglia di Manuel Pellegrini e dell’eterno Joaquín, ecco comparire in ottava posizione il cantiere aperto di mister Koeman. Il Barcellona, che in Champions va a pieno ritmo, in campionato fa tanta fatica, ed al momento sono solo 3 le vittorie con 2 sconfitte, tra le quali c’è la gara persa in casa contro il Real che ha fatto infuriare i tifosi. Adesso per Messi & Co., dopo la convincente vittoria contro il Betis, c’è il big match contro l’Atletico di Joao Felix e dell’ex Suarez.

Ancora più giù in nona, dodicesima e quattordicesima posizione troviamo rispettivamente, Valencia, Siviglia ed Athletic Bilbao. Queste tre squadre di lunga tradizione in Liga ci hanno abituato a campionati di livello, mettendo spesso i bastoni tra le ruote ai top club lì davanti e lottando sempre per le zone europee. Ora dopo la sosta i tifosi pretendendono un cambio di passo ed un ritorno rapido nelle parti nobili della classifica.

Insomma la stagione ha vissuto il suo primo atto e sul palcoscenico della Liga sono apparsi due protagonisti principali a dare ritmo alla competizione, quelle che al momento sono la prima e la seconda della classe, con i tre top club che hanno fatto solo da comparsa. Dal prossimo weekend si ricomincia un nuovo atto che si concluderà a dicembre, vedremo già a partire dal big match di sabato 21 novembre, chi tra i blaugrana e i Colchoneros, tra Simeone e Koeman, tra Messi e Suarez avrà la vinta, per una partita tra due modi opposti d’intendere il calcio, Atletico Madrid-Barcellona, gara che promette scintille e spettacolo. I tori hanno appena iniziato a correre, vedremo chi rimarrà in gara fino alla fine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: