L’ex presidente della Samp Ferrero torna in libertà

L’ex presidente della Samp Ferrero torna in libertà

Maggio 23, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Massimo Ferrero rinviato a giudizio ma rimesso in libertà con la revoca degli arresti domiciliari. È la decisione presa dal gup del Tribunale di Paola sull’ex presidente della Sampdoria che al processo dovrà difendersi dall’accusa di bancarotta e altri reati societari legati al fallimento di quattro differenti aziende che avevano sede in Calabria (ad Acquappesa, sulla costa tirrenica cosentina) e operavano nei settori cinematografico, alberghiero e turistico. Erano la Ellemme spa, Blu Cinematografica srl, Blu Line srl e Maestrale srl, dichiarate fallite tra il 2017 e il 2020. Tutte collegate, secondo la ricostruzione della Guardia di Finanza, alla Holding Max, la controllante dei vari consorzi che figurano nella galassia di interessi riconducibili a “er viperetta” (il soprannome dell’ex patron dei blucerchiati). In aula compariranno anche altri otto imputati coinvolti a vario titolo nella vicenda giudiziaria: la figlia Vanessa e il nipote Giorgio, l’ex moglie Laura Sini, i contabili Aniello Del Gatto, Roberto Coppolone, Cesare Fazioli, Giovanni Fanelli, Paolo Carini. L’ex massimo dirigente dei liguri era stato fermato il 6 dicembre scorso a Milano e successivamente tradotto in carcere in San Vittore. Vi era rimasto fino al 23 dicembre quando il gip acconsentì alla possibilità di continuare il periodo di detenzione nella sua abitazione romana. Torna in libertà ma resta interdetto dall’attività imprenditoriale.