Milan, Pioli: “In Italia e in Europa ci sono sempre difficoltà”

Milan, Pioli: “In Italia e in Europa ci sono sempre difficoltà”

Settembre 13, 2022 Off Di Angelo Sorbello

D il pareggio all’esordio in casa del Salisburgo, il Milan cerca la prima vittoria in questa fase a gironi di Champions League nella prima partita in casa, ospitando i croati della Dinamo Zagabria, reduci dal sorprendente trionfo sul Chelsea. Stefano Pioli presenta il match in conferenza stampa

È arrivata la partita in cui fare risultato?
“È sempre così. Se noi giochiamo a livello alto, Italia o Europa non fa differenza, abbiamo più possibilità di vincere. A Reggio non abbiamo fatto una grande partita e non abbiamo vinto, a Madrid facemmo bene e abbiamo vinto, nelle altre partite meno bene e non abbiamo vinto. Servirà una partita di alto livello”.

State facendo qualche calcolo con lo staff? Va in campo il Milan migliore?
“Per me sempre scende in campo il Milan migliore per vincere. La squadra sta bene, conosco il minutaggio dei miei giocatori. Recuperiamo Krunic, mancano i nuovi acquisti. Domani giocheremo con assoluta determinazione”.

Domani serve l’affermazione stilistica anche in Europa?
“La nostra ambizione è fare il massimo. Sarà una partita importante, ma non decisiva: l’abbiamo preparata come tale”.

Giroud è chiamato agli straordinari e Origi gioca molto poco. Siete preoccupati?
“Preoccupati no, dispiaciuti sì. Origi l’abbiamo fortemente voluto, siamo assolutamente convinti delle sue qualità. Mi auguro che dopo la sosta possa tornare disponibile”.

Cosa ne pensa del VAR?
“Difficile dare una risposta. Quello che è successo è un po’ spiazzante… Poi è facile puntare il dito, ma bisogna trovare delle soluzioni migliori in cui ci sia più equilibrio per una migliore decisione finale”.

Leao deve dimostrarsi anche in Europa?
“Si può sempre fare meglio, pretendiamo sempre di più e i ragazzi sono molto volenterosi e ambiziosi. Leao sta giocando ad un livello veramente importante e deve continuare così. È un punto di riferimento, quando ha la palla può sempre determinare”.

Come far riposare Giroud?
“Olivier è contento di giocare sempre, meno quando lo tolga. De Ketelaere lo ha fatto e lo può fare con caratteristiche diverse; in estate ho visto diversi video suoi ed è una possibilità: se ci fosse bisogno è sicuramente una buona soluzione”.

Pensi che a gennaio si dovrà intervenire per la punta?
“Da qui a gennaio sai quanta acqua deve passare sotto i ponti… Avere due assenti dispiace, ma ci sono giocatori che possano giocare lì”.

Memore di ciò che accadde lo scorso anno con l’Atletico, credi che domani sarà decisiva?
“È molto importante, non può essere decisiva. L’anno scorso abbiamo avuto la possibilità di passare il turno all’ultima giornata. Domani sera potremmo essere al primo posto nel girone: è un’occasione. Sarà difficile, perché la Dinamo ha vinto meritatamente la prima”.

Di cosa bisogna temere della Dinamo Zagabria?
“In campionato fa tre gol a partita, è una squadra tecnica, veloce. Ha attaccanti con ottime qualità che si compensano bene. Sarà difficile da superare”.

 Sta pensando, tra domani e Napoli, alla difesa a 3?
“Non domani ad inizio partita per le caratteristiche dei nostri avversari, poi magari a gara in corso. Per domenica tutto è possibile: avremo qualche giorno per prepararla. Vediamo, non sto pensando alla prossima partita ma a quella di domani”.

Dest è pronto per giocare titolare?
“Sì, credo che lo siano tutti. È difficile scegliere”.