Monza, Palladino: “Con l’Inter voglio molta rabbia”

Monza, Palladino: “Con l’Inter voglio molta rabbia”

Gennaio 6, 2023 Off Di Angelo Sorbello

Palladino, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro l’Inter, ha presentato così il prossimo appuntamento del suo Monza: “Abbiamo avuto poco tempo per preparare questa partita con l’Inter, viste le due gare ravvicinate. L’abbiamo però studiata in questo periodo, sappiamo che è una squadra molto forte e attrezzata. L’Inter di Inzaghi lavora da squadra e si muove all’unisono, è difficile trovarle dei punti deboli. Per noi è bello giocare partite così, dobbiamo cavalcare l’entusiasmo per la bella prestazione di Firenze. La partita di domani ci deve dare slancio, motivazione e voglia di mettere in difficoltà una corazzata come quella nerazzurra. Domani voglio 26 animali, uno stadio pieno e magari lo stesso ambiente vissuto con la Juve”.

Che sensazioni prova in vista di questo big match?
“Non vedo l’ora di scendere in campo domani, provo sensazioni bellissime. Queste sono le partite che ti fanno crescere personalmente come allenatore e che fanno crescere l’intera squadra, oltre che l’ambiente a 360°. Non dobbiamo viverla con paura, ma con slancio. Voglio un Monza coraggioso e aggressivo, consapevole di poter mettere in difficoltà una squadra forte come l’Inter. Poi nel calcio si vince e si perde, a me interessa soprattutto la crescita dei miei ragazzi durante il percorso”.

Che idea si è fatto dell’Inter di Inzaghi?
“L’Inter è una squadra in salute, molto forte, che mercoledì ha messo non a caso in grande difficoltà il Napoli. Ha subito davvero poco con gli azzurri e noi dobbiamo quindi essere consapevoli di ciò che ci aspetta. Consapevoli, ma non impauriti: il pari di Firenze ci ha dato autostima, vogliamo cavalcare l’onda. A me interessa la prestazione”.

Che ricordo ha di Vialli?
“Conoscevo bene Gianluca, sono emozionato perché ho avuto la notizia della sua morte mezz’ora fa. Era una grande persona, con un cuore grande, intelligentissimo. Queste cose ti lasciano un vuoto dentro e il calcio passa in secondo piano. Sono vicino a tutta la famiglia Vialli e faccio ai suoi parenti le mie più sentite condoglianze”.

Rovella recupera per domani?
“In questi giorni non ha lavorato con la squadra, sarà difficile riaverlo per l’Inter ma ci proveremo. Sta recuperando bene, abbiamo ancora due giorni per tentare di rimetterlo dentro”.

Domani sarà possibile rivedere Petagna con Dany Mota dal 1′?
“Potrebbe essere una soluzione. A Firenze hanno fatto tutti bene. Nel primo tempo ho messo io la squadra un po’ in difficoltà, anche se tutti si sono sacrificati, mentre nel secondo siamo stati più fluidi. Abbiamo tante soluzioni in attacco e nei prossimi allenamenti cercheremo quella migliore per affrontare l’Inter”.

Leonardo Colombo, classe 2005, ha firmato il suo primo contratto da professionista.
“Leonardo è un ragazzo eccezionale, intelligentissimo, che si allena sempre bene. L’ho visto in U17 l’anno scorso e me lo sono rubato subito perché mi serviva un centrocampista di qualità in Primavera. Secondo me può essere il futuro del Monza. Ogni volta che lavora con noi in prima squadra fa sempre bene. Dobbiamo essere bravi a coltivare anche i nostri giovani”.

Come si lavora per rendere l’attacco più cinico?
“L’importante è creare delle occasioni. Quando si creano le occasioni, segnare è solo una questione di momento e di scelta finale. Va alzata la convinzione, la linea è sottile. Sono contento per il lavoro in fase di non possesso e di possesso dei miei attaccanti, i gol arriveranno”.

Come vede Gytkjaer dopo i tanti rumors di mercato?
“Christian è un martello, è un fenomeno in questo e non si fa distrarre da nulla. Lo vedo al 100%, applicatissimo, e conto molto su di lui. Ogni volta che l’ho chiamato in causa, Gytkjaer ha dato grandi risposte. Potrebbe essere una soluzione anche contro l’Inter”.

In entrata invece cosa si aspetta?
“Non mi piace parlare di mercato. A volte il mercato aperto può distrarre i calciatori, ma vi dico la verità: ho fatto un discorso alla squadra e ho detto ai ragazzi che ci sono passato anche io da calciatore, chiedendo massima applicazione e serietà durante il lavoro settimanale. Ho bisogno di tutti in questo periodo visto che ci sono tante partite ravvicinate e che dovremo fare delle turnazioni. La risposta della squadra è stata ottima, infatti sono in difficoltà per la formazione di domani”.

Quale campione dell’Inter proverà a ingabbiare?
“Sto preparando una gabbia unica, quelli dell’Inter sono tutti bravi e forti. I nerazzurri hanno giocatori di livello, sia tecnicamente sia fisicamente”.