Monza, Palladino: “Sono stati due mesi belli e intensi”

Monza, Palladino: “Sono stati due mesi belli e intensi”

Novembre 12, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Il Monza insegue quel successo che consentirebbe alla squadra di Raffaele Palladino di portarsi non solo ad un solo punto di distanza rispetto proprio alla formazione allenata da Davide Nicola. Ma soprattutto di insediarsi nel comodato del centro classifica. Queste le impressioni dell’allenatore nella conferenza stampa della vigilia.

Come sono stati i suoi primi due mesi a Monza?

“Sono stati due mesi belli ed intensi, di grande crescita professionale. Abbiamo fatto un bel percorso che ha portato risultati ed entusiasmo. Il percorso non finisce qui, deve continuare. Siamo belli carichi e vogliamo fare una bella prestazione”

Cosa ha lasciato la partita persa contro la Lazio?

“C’è stato poco tempo per rivedere la partita. Abbiamo fatto una breve chiacchierata, la nostra bravura dev’essere quella di azzerare subito tutto dopo una sconfitta. Abbiamo rivisto le immagini, resta il rammarico di una buona prestazione. Guardiamo avanti”

Cosa pensa della mancata convocazione di Izzo in Nazionale?

“Ci speravo nella convocazione percè Armando Izzo sta crescendo. Gli manca quella condizionale finale per alzare l’asticella”

Qual è il suo pensiero su Davide Nicola?

“Sta facendo un grande percorso ed è un amico. La Salernitana è un avversario difficile da affrontare. Hanno coraggio e sono molto pericolosi nelle ripartenze”

Cosa pensa della convocazione di Pessina?

“E’ il mio secondo in campo ed è un ragazzo d’oro. Lo considero un amico. E’ intelligente, può giocare ovunque. Davvero può giocare in tutti i reparti. Sono felice per il suo ritorno in Nazionale. Tutta la città dev’essere orgogliosa di questa convocazione”

Qual è stato fino ad ora il momento più importante della stagione?

“Ci sono stati tanti momenti belli, però la svolta è arrivata nella partita contro la Juventus. Ci ha dato slancio e morale, ci ha dato consapevolezza. Ora siamo a metà dell’opera anche se c’è stato un bel percorso di crescita. Il gol di Petagna magari non cambiava nulla della partita a Roma contro la Lazio, ma di momenti belli ce ne sono stati molti”

Visto l’infortunio di Sensi, Pessina potrebbe giocare al suo posto? Cosa si aspetta dal mercato?

“Si, può giocare ovunque. Ci può stare. Ho tante soluzioni per la partita contro la Salernitana. Dobbiamo vedere anche i recuperi. Di mercato sapete che non non parlo, ho un gruppo ampio. Dobbiamo sicuramente cercare di sfoltire la rosa perchè siamo decisamente troppi”

Perchè gli attaccanti fanno fatica a segnare?

“Concretizziamo poco anche se abbiamo una media di una rete a partita. Ci sono delle piccole cose che comunque vanno migliorate. Ci lavoriamo spesso e continueremo a lavorarci”

Quale sarà la quota salvezza?

“Noi dobbiamo fare ancora 30, 35 punti. E non guardo alle altre, anche se magari fanno pochi punti. Dobbiamo pensare solamente a noi stessi, guardo soltanto in casa nostra”

Che soluzioni ha provato per affrontare la Salernitana?

“Potrebbe giocare ad esempio Caprari ma occhio anche a Valoti, Dany Mota e Vignato. Sicuramente abbiamo provato qualche nuova soluzione anche con il poco tempo che abbiamo avuto a disposizione. Ho osservato molto la Salernitana, proveremo altro anche durante la rifinitura”