Serie A, clamoroso a San Siro il Milan perde contro lo Spezia

Serie A, clamoroso a San Siro il Milan perde contro lo Spezia

Gennaio 17, 2022 Off Di Angelo Sorbello

Doveva essere in teoria la serata del sorpasso, è invece la serata dei rimpianti per il Milan che perde clamorosamente contro lo Spezia. A San Siro finisce 1-2 una partita destinata a essere soggetto di grandi polemiche per un clamoroso errore arbitrale che ha di fatto viziato la partita. Dei 22 titolari c’è solo un cambio ripetto all’ultima partita di campionato: Pioli sostituisce lo squalificato Tonali con Krunic, mentre Motta conferma in toto l’undici che ha battuto il Genoa. 150ª partita con i rossoneri per Zlatan Ibrahimovic, che dopo aver trovato a Venezia l’80ª vittima punta a superare, segnando allo Spezia, Cristiano Ronaldo come giocatore capace di segnare al maggior numero di squadre. Primo tempo a senso unico col Milan che arriva a tirare 12 volte. Il più in palla è ancora una volta Rafael Leao, l’unico sempre in grado di saltare l’uomo con irrisoria facilità, ma non altrettanto preciso. Bene Provedel in un paio di occasioni per il resto è la mira dei rossoneri ad essere sbagliata. Ibrahimovic suona la carica e quando è poco fornito arretra il raggio d’azione per prendere la palla e dettare i tempi. In mezzo manca la qualità di Tonali, anche se Bakayoko, almeno in fase di interdizione, si disimpegna bene. Spezia che regge l’urto, Motta riesce a ingabbiare Brahim Diaz e trova le contromisure su Théo Hernandez. E addirittura gli aquilotti hanno la possibilità di passare in vantaggio con Reca al 30′: il polacco costringe a una grande parata Maignan. Nel finale del primo tempo il Milan ha l’occasione di sbloccare la partita: da una rimessa laterale verso Provedel c’è Leao che anticipa il portiere e viene steso. L’arbitro Serra viene richiamato al VAR e assegna il rigore, Théo dal dischetto spiazza Provedel ma angola troppo e calcia a lato. Dalla rimessa dal fondo del portiere Krunic contrasta in modo deciso Manaj e lancia lungo, Nikolaou riesce solo a sfiorare il pallone e la sfera trova Leao che a tu per tu con il portiere in uscita lo supera in pallonetto: 1-0. Sofferto, ma meritato. Spezia che torna in campo tutt’altro che dimesso, nonostante rischi di affondare. Provedel è provvidenziale su Saelemaekers, poi arriva il sorprendente pari al 64′ con Kevin Agudelo. Bella azione corale degli aquilotti con il colombiano bravo a costruire la manovra, inserirsi in area e raccogliere l’assist di Verde battendo da due passi Maignan. Pioli è costretto a inserire un altro peso massimo in avanti, Giroud, a far coppia con Ibrahimovic.

L’ERRORE DI SERRA, LA BEFFA DI GYASI – Messias va in gol nei minuti di recupero, ma l’arbitro Serra commette un errore imperdonabile, fermando prima il gioco per un fallo su Rebic, senza aspettare lo sviluppo dell’azione. Poteva essere il 2-1 per il Milan. Sarà 1-2 per lo Spezia al 95′ con Gyasi che finalizza un contropiede, con i rossoneri tutti spinti nell’area avversaria. Oltre il danno, la beffa