Spagna, Luis Enrique: “La Francia è favorita? Con l’Italia abbiamo ribaltato il pronostico”

Spagna, Luis Enrique: “La Francia è favorita? Con l’Italia abbiamo ribaltato il pronostico”

Ottobre 9, 2021 Off Di Angelo Sorbello

Luis Enrique, commissario tecnico della Spagna,  in conferenza stampa per analizzare il match di domani contro la Francia, gara valida per la finale di Uefa Nations League. Gavi domani partirà dal primo minuto? “Non so come sta dopo la partita dell’Italia, soltanto lui potrà dire come si sente, quali sono state le emozioni. Devo capire come sta Ferran Torres, poi domani prenderemo le nostre decisioni. Altrimenti giocheremo con un altro giocatore offensivo”. Cosa pensa della Francia? “È una squadra pericolosa, sono i campioni del mondo, sono la squadra più forte del mondo. Hanno ottime individualità, tutti stanno giocando ad alto livello. Ma anche noi siamo una squadra forte. Nel calcio può succedere di tutto, chi gioca meglio vince. Vogliamo imporre il nostro gioco e vincere la finale”. Domani affronterete il tridente Mbappé-Griezmann-Benzema. “Hanno un gran potenziale, hanno tantissima qualità. Sono giocatori fantastici e da soli possono decidere il match. Ma noi non cambieremo il nostro modo di giocare: questo è uno sport di gruppo, speriamo di fare una buona prestazione. Vogliamo vincere la partita di domani. Abbiamo giocato contro i campioni d’Europa, ora giochiamo contro i campioni del mondo: ma le motivazioni sono le stesse. La cosa più importante per me è preparare la gara di domani. Abbiamo fatto l’ultimo allenamento questa mattina, come già detto vogliamo imporre il nostro gioco. Cercheremo di giocarcela con le nostre armi, per me la cosa più importante è vincere questo titolo. Se avremo la possibilità di accontentare tifosi e giornalisti sarà ancora meglio”. Siete ottimisti per domani? “Io sono sempre ottimista, stiamo facendo bene. Non sarà facile giocare contro una squadra come la Francia, ma noi giochiamo sempre nello stesso modo e con le nostre convinzioni. Siamo stati capaci di vincere contro l’Italia, cercheremo di farlo anche domani”. Giocherete sfruttando il possesso palla? “Vogliamo sempre avere in mano il possesso della sfera. In questo modo possiamo impostare meglio il nostro gioco, con la velocità possiamo creare delle difficoltà ai nostri avversari. Appena perderemo palla cercheremo di alzare subito il pressing in modo tale da non far valere le loro qualità”. Come sta Ferran Torres? “Vediamo domani, ma non correremo nessun rischio. Se sarà a disposizione giocherà, ma abbiamo anche altri giocatori. Ho molta fiducia nei miei miei calciatori”. Come affronterete la gara di domani? “Non vogliamo dargli nessuna possibilità di attaccare. Noi ci adatteremo al loro modulo e al loro gioco. Non so con quale modulo giocheranno, ma abbiamo tanto rispetto per i nostri avversari”. Il tridente della Francia può essere paragonato a Suarez, Messi e Neymar? “Cecheranno anche di aiutare in difesa e di sfruttare il contropiede. Come ho detto però cercheremo di sfruttare il nostro gioco”. Cosa è successo al Belgio nel secondo tempo? “Il Belgio ha giocato bene nel primo tempo, nella ripresa ha difeso con la linea più bassa. Potevano vincere col gol non convalidato nel finale, la partita poteva cambiare. È stata una partita fantastica, ma questo è il calcio”. Secondo lei servono giocatori più esperti alla Spagna? “Noi siamo una squadra, non ci sono giocatori giovani o esperti. Cercheremo di regalare una gioia ai nostri tifosi”. Se ci sarà Mbappé cambierà il vostro approccio? “A noi non interessa chi abbiamo di fronte, noi difendiamo con tutta la squadra. Cercheremo di piazzarci al meglio, cercheremo di parlare tra di noi per giocare al meglio. Siamo in finale, vogliamo essere la squadra da battere. Abbiamo l’obiettivo di vincerla”.